La quotidianità della rivolta. Alcune note per un'estetica femminista e per un suo possibile uso a vantaggio dell'oggetto fotografico