Ideata all’indomani di "Volterra 73" da Enrico Crispolti e dal gruppo di artisti a lui legato, "Operazione Roma Eterna" si definisce nel 1974 con il tema: "Proposte progettuali e azioni d’intervento e di interpretazione urbana su e in Roma". La manifestazione si articolava in due parti distinte e complementari: la prima, internazionale e immaginativa, prevedeva la commissione di opere che reinterpretassero la Roma monumentale e turistica; la seconda corrispondeva a un momento di rapporto concreto con la città, dove gli artisti erano chiamati a dialogare con la sua realtà sociale, attivando azioni di “co-operazione” capaci di scardinare il rapporto “operatore-fruitore” e renderlo paritario. Lo scopo non era abbellire la città, ma agire insieme alle realtà locali per avviare processi conoscitivi e di emancipazione sociale. Per questo, fu scelto il quartiere Testaccio, una zona periferica del centro storico con un vivace attivismo “di base”. Progetto sia internazionale sia locale, "Operazione Roma Eterna" doveva terminare con una grande mostra al Palazzo delle Esposizioni, mai avverata. I documenti delle uniche azioni realizzate furono esposti da Crispolti alla Biennale di Venezia nel 1976. Grazie ai materiali presenti nell’archivio del critico romano, è qui ricostruita la storia di questa progettazione, durata tre anni, con particolare attenzione agli interventi concretizzati e al tipo di collaborazione instaurata. Importante momento di elaborazione nella ricerca di modelli espositivi e di commissione artistica alternativa, "Operazione Roma Eterna" è inoltre considerata nei suoi rapporti, spesso di opposizione, con altre manifestazioni coeve in Italia.

Un esperimento di rifondazione co-operativa: Operazione Roma Eterna, 1974-1976

Sara Catenacci;
2017-01-01

Abstract

Ideata all’indomani di "Volterra 73" da Enrico Crispolti e dal gruppo di artisti a lui legato, "Operazione Roma Eterna" si definisce nel 1974 con il tema: "Proposte progettuali e azioni d’intervento e di interpretazione urbana su e in Roma". La manifestazione si articolava in due parti distinte e complementari: la prima, internazionale e immaginativa, prevedeva la commissione di opere che reinterpretassero la Roma monumentale e turistica; la seconda corrispondeva a un momento di rapporto concreto con la città, dove gli artisti erano chiamati a dialogare con la sua realtà sociale, attivando azioni di “co-operazione” capaci di scardinare il rapporto “operatore-fruitore” e renderlo paritario. Lo scopo non era abbellire la città, ma agire insieme alle realtà locali per avviare processi conoscitivi e di emancipazione sociale. Per questo, fu scelto il quartiere Testaccio, una zona periferica del centro storico con un vivace attivismo “di base”. Progetto sia internazionale sia locale, "Operazione Roma Eterna" doveva terminare con una grande mostra al Palazzo delle Esposizioni, mai avverata. I documenti delle uniche azioni realizzate furono esposti da Crispolti alla Biennale di Venezia nel 1976. Grazie ai materiali presenti nell’archivio del critico romano, è qui ricostruita la storia di questa progettazione, durata tre anni, con particolare attenzione agli interventi concretizzati e al tipo di collaborazione instaurata. Importante momento di elaborazione nella ricerca di modelli espositivi e di commissione artistica alternativa, "Operazione Roma Eterna" è inoltre considerata nei suoi rapporti, spesso di opposizione, con altre manifestazioni coeve in Italia.
9788874901982
Storia dell'arte, Storia dell'arte del XX secolo, Storia delle esposizioni
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2017_Catenacci-Drovandini_operazione roma eterna.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 2.02 MB
Formato Adobe PDF
2.02 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11771/22201
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact