Dalla censura alla classificazione delle opere: il cinema dà l’addio a madama Anastasia?